3 novembre 2014

Megane Coupé, potenza ecologica

 

Record di emissioni e consumi, ma anche un brio perfettamente in linea con l’immagine di una vera sportiva. La casa francese rilancia cosìdi VINCENZO BORGOMEO

Ricordate il primato conquistato da Renault nel 2013 (quello di leader in Ue sulle emissioni con 114,7 grammi co2/km)? La nuova Megane coupé, una sportiva, spiega meglio di qualsiasi discorso come si possa arrivare ad un simile primato: ogni modello in gamma deve fare il suo lavoro per raggiungere l’obiettivo.

FOTO: la gamma Megane

Così, senza togliere nulla (ma proprio nulla) al naturale carattere sportivo, la nuova Renault Megane grazie alla neonata famiglia di motori Energy migliora ulteriormente le sue prestazioni, sia sul piano dell’accelerazione che delle emissioni. Questo grazie al 1200 a benzina TCe da 132 Cv che, assieme al cambio automatico EDC (Efficient Dual Clutch), riesce nel piccolo miracolo: ossia un dignitosissimo 0-100 km/h in 9,7 secondi ed emissioni di 124 g/km di CO2. Certo siamo lontani dai 6 secondi della RS (anche meno per la RS Trophy), ma il piccoletto si difende bene ed è sempre molto brioso in ogni condizione, facendo del vecchio “turbo lag” solo un lontanissimo ricordo.

Se si volesse esagerare comunque in fatto di risparmio si può sempre puntare sulla diesel “best in class” con uno strepitoso 3,5/100km e 90gr/km Co2) che fa tesoro dello start and stop e dell’innovativo sistema di recupero dell’energia in frenata e decelerazione (ESM), due diavolerie comunque presenti su tutta la gamma.

In ogni caso quello che conta qui è

che la Laguna ha motori coerenti con l’immagine di una coupé, senza dimenticare però che ci troviamo sempre difronte ad una macchina molto versatile: grande spazio per cinque e una bella dotazione di serie, che su tutte e tre le versioni propone – il listino ca da 19 mila euro in su – volante in pelle, luci diurne a LED, clima manuale, cruise control, sedile conducente con regolazione lombare, radio CD MP3 con Bluetooth e USB. Con il pacchetto GT Line arriva anche l’accensione automatica fari e tergicristalli, il clima automatico bi-zona, il parking radar posteriore ed i retrovisori ripiegabili elettricamente. Infine il livello Energy GT Line aggiunge sospensioni rielaborate da Renault Sport, i cerchi in lega da 17′.

Tutte in ogni caso beneficiano delle piccole migliorie estetiche ossia frontale completamente ridisegnato, cofano motore che integra il grande logo Renault su fondo nero brillante, nuovi fari di forma ellittica che si allungano lateralmente sui parafanghi e le luci diurne a LED. E, pagando ovviamente, non mancano alcune chicche come il Visio System, l’Easy Access System II, l’assistenza al parcheggio con Camera Parking e il sistema multimediale integrato R-Link con schermo touch 7”

Potrebbero interessarti

cq5dam.web.650.600

Dacia Il marchio non conosce crisi

Fenomeno senza freni. Niente crisi per Dacia. Il marchio di proprietà della Renaultcontinua a crescere e a sorprendere: in Italia nei primi quattro mesi del 2014...

Richiedi assistenza