2 aprile 2015

Marzo spinge il mercato italiano dell’auto (+15,1%)

La ripresa non c’è, ma è sufficiente la speranza per rilanciare il mercato italiano dell’auto che, a marzo, è cresciuto del 15,1%, con 161.303 immatricolazioni. Gian Primo Quagliano, presidente del Centro studi Promotor, spiega che le famiglie e le aziende – con la prospettiva di una ripresa – hanno cominciato a destinare all’acquisto di una vettura nuove le risorse risparmiate in vista di un eventuale peggioramento della crisi. D’altronde, ricorda Quagliano, l’età media del parco auto si era sensibilmente alzata e la sostituzione delle vetture diventava spesso improcrastinabile.

Una speranza di ripresa che non è solo italiana. In Spagna la crescita delle vendite a marzo è stata del 40,5%, in Francia del 9,3%. E Fca ne ha beneficiato crescendo, nel Paese Transalpino, dell’11,7%. Mentre negli Usa il gruppo Fca ha incrementato le vendite per il 60° mese consecutivo: la crescita è stata del 2%, trainata dai marchi Jeep e Chrysler mentre il marchio Fiat ha ceduto il 5%.

Tornando all’Italia, l’incremento delle immatricolazioni era superiore sino a pochi giorni or sono, poi probabilmente le case sono intervenute con una brusca frenata sui km zero per raffreddare il dato finale. Mentre Fca lancia per aprile il “mese della rottamazione”, con incentivi di 2mila euro per acquisti di vetture Fiat, Alfa e Lancia (3mila euro per gli acquisti con il finanziamento Fca Bank). In ogni caso anche le consegne alle famiglie sono tornate ad aumentare in misura consistente e le rilevazioni dell’Osservatorio Findomestic evidenziano un incremento dei consumatori intenzionati ad acquistare una vettura nuova, anche se resta stabile la disponibilità di spesa per l’auto.

Quagliano aggiunge che sebbene la crescita di consegne complessive sia trainata soprattutto dal canale del noleggio, in questo ambito è aumentata la componente delle auto date in noleggio a lungo termine ai privati. Ma se marzo è stato particolarmente positivo, mancano certezze per i prossimi mesi. La crescita delle immatricolazioni è basata sulla speranza di una ripresa dell’economia, periodicamente annunciata da due anni a questa parte. «Se queste speranze fossero vanificate – avverte Quagliano – il recupero potrebbe rapidamente esaurirsi».

Nel frattempo non tutti i marchi approfittano allo stesso modo della ripresa. Per Fca continua il momento magico di Jeep (+249,30%) ma anche il marchio Fiat cresce più del mercato (15,91%) mentre Lancia e Alfa registrano flessioni. Stabile il marchio Volkswagen mentre Ford cresce del 21,92% e Opel del 24,74%, precedendo il marchio Renault (+11,34%). Progressi a due cifre, tra chi ha consegnato più di mille vetture, anche per Peugeot, Toyota, Nissan, Mercedes, Hyundai, Dacia, Kia, Smart, Mini, Seat.

Potrebbero interessarti

dem-F

Promozione Officina ”Estate Renault”

Per i nostri clienti,nei  Centri Assistenza Clas ,7 imperdibili offerte per affrontare con serenità il periodo estivo: 1. OFFERTA CHECK UP ESTATE + SPAZZOLE ANTERIORI UP a...

auguripisaa-1

Buon Compleanno Clas Pisa!

Per celebrare il 1°anno di attività della sede Clas di Pisa  dal 14 al 22 Novembre (Sabato 16 compreso) riteniamo giusto offrire ai nostri clienti una...

Richiedi assistenza